Crema di Castagne

Crema di Castagne
Preparazione: 90 min. Cottura: 60 min. Difficoltá: media

La chiamiamo crema di castagne ma tecnicamente è una confettura. Tuttavia, poco importa il nome perché parafrasando Shakespeare: Che cos’è un nome? Quella che chiamiamo “crema di castagne” anche con un altro nome avrebbe il suo gusto.

Un po’ laboriosa da preparare, ma ne vale la pena. Una volta assaggiata non smetterete più di mangiarla perché la crema di castagne è proprio un capolavoro di gusto. Il vero tesoro dell’autunno.

COME PREPARARE LA CREMA DI CASTAGNE

INGREDIENTI

ingredienti per 800 g circa di crema di castagne
  • 1 Kg di Castagne o Marroni
  • 400 g Zucchero semolato
  • 3 g Sale fino
  • 1 Bacca di Vaniglia (facoltativa)
  • Acqua q.b.
* La quantità degli ingredienti è indicativa così da poterla adattare senza problemi alla quantità di castagne che avete

PROCEDIMENTO

  1. Per iniziare, lavate le castagne sotto l’acqua corrente e poi mettetele in una pentola capiente con abbondante acqua, portatela sul fuoco e fate bollire le castagne per 20 minuti. Quindi scolatele e lasciatele intiepidire.
  2. A questo punto, aiutandovi con un coltellino, sbucciate le castagne.
  3. Per determinare la quantità di zucchero, che può andare dal 40% all’80% rispetto al peso delle castagne, come prima cosa pesatele. Dopodiché, dosate lo zucchero in base al risultato che volete ottenere. Ad esempio, per 800 gr di castagne, io ho utilizzato il 40% di zucchero, cioè 320 gr.
  4. Successivamente mettete le castagne in una pentola capiente insieme alla bacca di vaniglia incisa verticalmente e al sale.
  5. Versatevi dell’acqua in maniera da ricoprire interamente le castagne ma senza andare oltre. Portate poi il tutto sul fuoco.
  6. Fate cuocere, mescolando di tanto in tanto, fino a quando le castagne saranno morbide, serviranno dai 20 ai 40 minuti.
  7. A questo punto, togliete la pentola dal fuoco e frullate il tutto fino a ottenere una purea liscia e omogenea.
  8. Riportate la purea sul fuoco e, quando comincia a bollire, aggiungete poco per volta lo zucchero mescolando bene fino a farlo sciogliere completamente ed evitare che bruci.
  9. Quando lo zucchero risulterà del tutto sciolto, continuate a cuocere la crema, mescolando di tanto in tanto, fino a quando la crema sarà bella densa, dalla consistenza simile a un purè.
  10. Quindi, per finire, quando la crema di castagne sarà pronta invasettatela e lasciatela raffreddare completamente.

FAQ CREMA DI CASTAGNE

Come conservare la Crema di Castagne

Se la consumate entro un paio di settimane, basta invasettarla e riporla in frigorifero una volta fredda. Invece, se la consumate in pochi giorni, al contrario, non serve nemmeno invasettarla perché è sufficiente tenerla in frigorifero dentro contenitori ermetici.

Se invece volete conservarla per lungo tempo, allora servono alcuni accorgimenti:

  • – Per una conservazione a lungo tempo, è fondamentale una dose importante di zucchero. In questo caso vi consiglio di non scendere sotto il 50% di zucchero rispetto al peso delle castagne;
  • – I tappi devono essere nuovi;
  • – Lavate bene tappi e vasetti e per sterilizzarli metteteli in forno a 100°C e lasciateli là fino a quando non dovrete utilizzarli. In alternativa, si potrebbe procedere anche bollendoli ma con il forno è più veloce e il risultato è migliore perché si limitano le possibilità di contaminazione;
  • – Appena la crema è pronta, invasettatela e chiudete bene i barattoli. Al fine di evitare di bruciarvi, utilizzate dei guanti da cucina;
  • – Appena invasettati, i barattoli vanno capovolti e lasciati così per non meno di 5 minuti. Dopodiché ritornateli in posizione normale e lasciateli raffreddare del tutto;
  • – Conservate la crema di castagne in un luogo asciutto e lontano dalla luce;

Una volta aperta, si conserva in frigorifero per 7/10 giorni.

Come aromatizzare la Crema di Castagne

Potete aromatizzare la crema in diversi modi: con del cioccolato, fondente o al latte, appena tolta dal fuoco, con del rum, armagnac o cognac per dare una nota alcolica più decisa oppure, per una più rotonda, è ottimo l’amaretto. Ricordatevi che anche gli alcolici vanno aggiunti dopo la cottura altrimenti l’alcool evaporerebbe e con esso la maggior parte delle note aromatiche. Tra le spezie, invece, potete usare sia cannella sia la noce moscata o chiodi di garofano. Queste sono solo alcune delle possibilità, ce ne stanno tante. A voi, ad esempio come vi piace abbinare le castagne?


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *